venerdì 23 gennaio 2009

Momento di vita

Che periodaccio questo, quante cose ci sono da fare, quante da studiare.
Forse se studiassi tutto il tempo che ho realmente a disposizione prenderei 30 in tutti gli esami... ma quanto è bello cazzeggiare, stare sul letto con il pc davanti e il libro di fianco.
Ogni 2 minuti vado sul sito della mia facoltà in cerca dei voti dell'ultimo esame che tanto prima di lunedì non usciranno. Chissà come è andato... potrei aver preso 30 come essere stata bocciata, non ne ho la minima idea... era uno di quegli esami a crocette fatto al computer, 35 minuti per 70 domande, non ti puoi distrarre un secondo.
E ora appunto sono qui, a gambe incrociate, una coperta zebrata addosso e il casino di camera mia attorno. Camera mia di Pavia questa volta. Mi sto guardando attorno in cerca del mio gatto, non c'è, sarà in qualche angolo caldo a dormire o forse, più probabile, dentro il lavandino.
Guardo tutte le fotografie appese in ogni angolo, sorrido, penso, viaggio. Un paio di lampade accese, le tende tirate, i telefoni accesi, cinque telecomandi (chissà poi di cosa) su una mensola.
Una voce mi chiama dall'altra stanza...

2 commenti:

Lucia ha detto...

A me fanno venire una rabbia, gli esami fatti a crocette... >.>
Cioè, secondo me è questione di fortuna. Se uno non ha studiato niente ma è parecchio fortunato, può azzeccare cinque o sei volte la crocetta giusta e prendere lo stesso voto di uno che invece aveva studiato molto di più. E non è giusto, insomma: secondo me, le crocette dovrebbero essere abolite. Ecco.

Per fortuna io non ho mai dato un esame a crocette, ma alcuni miei amici sì: e non erano molto contenti... u_u

Mad ha detto...

infatti!!!non stanno molto simpatici nemmeno a me! e soprattutto gli ho fatti tutti almeno 2 volte :)
...speriamo bene per questo!